Natale …e simme eguale

Written by Gianni Lamagna on Martedì, 11 Dicembre 2012. Posted in Dicembre 2012, Le parole in bocca, Le muse del gusto



 

 


Matina e sera diune.

è semp’ ‘a stessa semmana

ma mò ch’è arrivato Natale

‘a famma fa sempe cchiù male

Pigliammoce n’ata cartella

sta vota ‘ o canisto è dd’ ‘o nuosto

si è overo c’ ‘a rota è ggirata

m’ ‘o ssento ca è ‘a mia sta tirata.

Mo vene, mo vene Natale

se dice ca simmo cchiù eguale

ca tras’ ‘int’ ‘e ccas’ ‘a giustizia

cu ‘e struffole, ‘e bbotte ‘e cumizzie.

‘O mese ‘e dicembre è arrivato

truvamm’ ‘o presepio scassate

marò, n’ata vota ‘e pasture

e ogn’anno ll’avimme cchiù a dduro

‘E figlie fernesceno ‘a scola

e abbìan’ ‘e dulur’ ‘e mola

e mo che facimmo chist’anno

chisà si ‘a truvamm’ ‘a capanna

Mo vene mo vene natale

se dice ca simmo cchiù eguale

ca tras’ int’ ‘e ccas’ ‘abbundanza

ma è sempe vacante ‘a valanza

Ogne anno cu chesta canzone

speramme ch’arriva ‘a penzione

e invece se ll’hanno magnate

e mò va sapenno chi è stato

Sparàmmola chesta sentenza

a Napule dice ‘a credenza

ca more cchiù ampress’ ‘o capone

si magna e nun penza a’ ‘o guaglione

Mo vene mo vene Natale

se dice ca simmo cchiù eguale

ca tras’ ‘int’ ‘e ccase ‘a furtuna

ma ccà nun ce crede nisciuno

Mo vene mo vene Natale

se dice ca simmo cchiù eguale

ce cuccàmm’ ogne sera e a’ matina

sperammo ch’è nnat’ ‘o bbambino.

 

 

 

About the Author