D’ ‘o mare e dd’ ‘e rrose

Written by Gianni Lamagna on Martedì, 05 Febbraio 2013. Posted in Febbraio 2013, Le muse del gusto

Parlame sule te,
d’ ‘o mare.
Famme sulo sapè
d’ammore.
Nun voglio parlà cchiù
voglio sulo sentì
cu’ ‘o core.
E si me suonne
dimmello, dimmello.
Viene,
però senza parlà,
chi ‘o ssà qual’è ‘a verità
si stongo sulo po che fa,
che fa?
Aspetto ‘ammore
e ‘o sento già
ca sta venenno a me truvà,
ma che fà?
Me tene mente e llà pe’ llà
fa ‘na resata troppa brutta
e se ne và.

Parlame sulo ‘e te,
dd’ ‘e rrose,
levame tutt’ ‘e spine
cu ‘e vase.
Dimme ‘e pparole ca
fanno sulo sanà
‘o core,
senza turmiente
me siente, me siente?
Viene,
viene a m’accarezzà
cu ll’uocchie chiuse trase ccà
m’astrigne e po’ me fai tremmà,
tremmà.
I’ aspetto ‘ammore
e ‘o sento già
pecchè sta ccà e nun se ne và
ma che fa?
S’assetta ‘mbraccia e resta llà
e i’ penzo sulo
si è nu suonno o è verità.


Il nuovo brano di Gianni Lamagna (musica e testo) registrato per la ristampa dell'album "Amate Cantate napoletane" (2012) distribuito dalla Phonotype record.

About the Author