LaMagna C(h)anta D’Annunzio

Written by Gianni Lamagna on Mercoledì, 06 Marzo 2013. Posted in Il palato intonato, Marzo 2013

Gabriele D'Annunzio (Pescara, 12 marzo 1863 – Gardone Riviera, 1º marzo 1938)

'A VUCCHELLA (1907)

Si comm'a nu sciurillo...
tu tiene na vucchella,
nu poco pucurillo,
appassuliatella.

Méh, dammillo, dammillo, a vucchellaè comm'a na rusella...
dammillo nu vasillo,
dammillo, Cannetella!

Dammillo e pigliatillo
nu vaso...piccerillo
comm'a chesta vucchella

che pare na rusella...
nu poco pucurillo
appassuliatella...

 


I versi di 'A Vucchella, data alle stampe nel 1907 da Giulio Ricordi, furono scritti da Gabriele D'Annunzio nel 1892 mentre si trovava a Napoli. Pare che tutto sia nato  da una scommessa con Ferdinando Russo sulla sua capacità di scrivere versi in  Napoletano. Nel 1906 D’Annunzio inviò i versi al musicista, amico e conterraneo Francesco Paolo Tosti, nativo di Ortona. A’Vucchella divenne presto un successo internazionale. Lo spartito fu ristampato spessissimo. Cantanti lirici e interpreti della canzone “classica” napoletana, da Enrico Caruso a Roberto Murolo, a Luciano Pavarotti al nostro amico e collaboratore Gianni Lamagna si sono cimentati in questo felice connubio.

 

About the Author